Mercoledì 13 Dicembre 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Slice PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 4
ScarsoOttimo 
Scritto da Nicola Picchi   
venerdì 21 maggio 2010

Slice
Titolo originale: Cheun
Thailandia: 2009  Regia di: Kongkiat Khomsiri Genere: Thriller Durata: 101'
Interpreti: Chatchai Plengpanich, Arak Amornsupasiri, Sonthaya Chitmanee, Jessica Pasaphan, Artthapan Poolsawad, Sikarin Polyong
Sito web:
Nelle sale dal: Inedito
Voto: 6,5
Trailer
Recensione di: Nicola Picchi
L'aggettivo ideale: Ruvido

SliceIn mare viene ripescata una valigia rossa, contenente un corpo fatto a pezzi. Il cadavere è quello di un occidentale, che abbiamo visto in procinto di intrattenersi con un ragazzino prima di essere assassinato da una figura che indossa una mantellina rossa.
La vittima successiva è un insegnante di mezza età, che è solito abusare delle sue studentesse. Contemporaneamente Tai, poliziotto sotto copertura attualmente in prigione, ha incubi ricorrenti in cui rivede quella stessa valigia, e lo confessa ad una psicologa del carcere.
Quando viene ucciso e mutilato il figlio di un importante uomo politico, il detective Chin fa liberare Tai, convinto che egli conosca il misterioso killer. Chin ordina a Tai, che ha già ucciso per suo conto, di rintracciare il colpevole entro 15 giorni.

Kongkiat Khomsiri, già collaboratore di Wisit Sasanatieng per il gotico “The Unseeable” e tra gli autori di “Art of the Devil 2”, torna con “Slice”, thriller sui generis che vale più per la riuscita ricostruzione d’ambiente e per le annotazioni sociologiche a latere che per l’iperbolica sceneggiatura, inverosimiglianza delle psicologie comprese. Storia e scioglimento finale sono analoghe in maniera sospetta a quelle del coreano “Rainbow Eyes”, ma Khomsiri non ha la languida propensione per il mélò fiammeggiante di Yang Yoon-ho. Il suo è un cinema grezzo, che poco si cura di bellurie estetizzanti ma che ripaga di eventuali mancanze attraverso una ruvida libertà espressiva, alquanto opinabile ma viscerale, d’impatto maggiore quanto più imperfetta. Tutta la messa in scena è improntata in senso antinaturalistico, con forti richiami al thriller italiano degli anni ’70, non è dato sapere quanto voluti e quanto casuali.
Abbondano decisi contrasti cromatici dal sapore onirico, riservati alle scene d’ambientazione urbana.
Khomsiri, anche direttore della fotografia, si sbizzarrisce infatti con rossi intensissimi, verdi marcescenti e viola tumefatti che rammentano i colori baviani dell’Argento degli anni d’oro. Sempre al thriller di casa nostra rimandano il groviglio di pulsioni sessuali irrisolte da “Psychopathia sexualis” e, dulcis in fundo, la mantellina rossa dell’assassino, analoga a quella sfoggiata ne “La dama rossa uccide sette volte” di Miraglia. Tutti riferimenti probabilmente involontari, ma che danno conto di un’atmosfera condivisa e di un mood riconoscibile.

Per il resto Khomsiri segue l’estro del momento, sparando in faccia la luce ai suoi protagonisti nelle scene notturne, inventandosi una ripresa in soggettiva di una folata di vento o coreografando una delirante strage in un locale  a luci rosse durante un live-show. Il tutto senza risparmiarsi inevitabili crudezze grondanti emoglobina, o momenti sfacciatamente lirici. L’indagine di Tai, durante la quale si troverà a ripercorrere la propria adolescenza, vissuta in una zona rurale depressa della Thailandia, è un viaggio a ritroso nel proprio passato. Una sorta di “Stand By Me” con contorno di violenze familiari, in cui alle “madeleines” proustiane si sostituiscono ripetuti abusi sessuali. Questa parte, man mano che si dipanano ingegnosi flashback, anche generati da una sigaretta gettata via distrattamente, è la più riuscita di “Slice”: sentita raffigurazione dei caratteri, adeguata rappresentazione delle tante prove iniziatiche, anche brutali, che costellano l’adolescenza e partecipe descrizione dell’amicizia tra Tai e Nat.

E’ palese una feroce polemica con il subdolo colonialismo di ritorno cha ha ridotto la Thailandia ad un enorme mercato del sesso, in cui annoiati occidentali sfogano pulsioni che tengono ben nascoste a casa propria.
La Bangkok di Khomsiri è una sorta di girone infernale, una giostra lisergica di sesso a pagamento e corruzione, ma non per questo la Thailandia dei piccoli villaggi è luogo idilliaco.
La perdita dell’innocenza di Tai e Nat si consuma rapidamente, tra padri alcolisti, madri puttane e insegnanti pedofili, come in un romanzo verista trapiantato nel sud est asiatico. Una volta fuggiti a Bangkok, Tai troverà la sua strada attraverso la violenza, mentre Nat verrà avviato alla prostituzione per soddisfare le brame di un turista di mezza età.
Certo, i presupposti psicologici sono fallaci, ma non più di quanto si sia abituati a vedere nei corrispettivi americani, e su tutto l’insieme aleggia più di un sospetto di omofobia, ma non c’è piglio moralistico nelle azioni del killer, semplicemente la rivalsa anziché la supina accettazione dello stato delle cose: Cappuccetto Rosso non solo uccide il lupo, ma lo smembra e ne ripone ordinatamente i pezzi in una valigia.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere