HOME arrow RECENSIONI: arrow The Call
Martedì 20 Ottobre 2020
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
The Call PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 108
ScarsoOttimo 
Scritto da Dario Carta   
domenica 07 aprile 2013

Titolo: The Call
Titolo originale: The Call
USA: 2012. Regia di: Brad Anderson Genere: Thriller Durata: 94'
Interpreti: Halle Berry, Abigail Breslin, Morris Chestnut, Michael Eklund, David Otunga, Michael Imperioli, Justina Machado, José Zúñiga, Roma Maffia, Evie Thompson, Denise Dowse
Sito web ufficiale: www.call-movie.com
Sito web italiano:
Nelle sale dal: Prossimamente
Voto: 5
Trailer
Recensione di: Dario Carta
L'aggettivo ideale: Telefonato
The Call su Facebook

thecall_2013_leggero.pngNon c'è dubbio che Brad Anderson abbia impegnato in "The Call" le sue migliori doti di regista energico e attento alle atmosfere ("Transsiberian","L'uomo senza sonno","Vanishing on 7th Street"),ma questa volta le buone intenzioni non sono sufficienti a ratificare i talenti del regista.
Ne sortisce che "The Call" è un soporifero estratto di un cinema di classe B,dove l'impulso non si conforma all'esito.

Jordan Turner (Halle Berry),operatrice in un call center del servizio 911 a Los Angeles,risponde a migliaia di chiamate,alcune frivole e capricciose,altre più serie,un lavoro in apparenza statico,ma in realtà fortemente provante e pregno di un senso di responsabilità che corre il rischio di perdersi nelle milioni di parole trasmesse nell'etere.
La valutazione è la sua arma psicologica e il suo mezzo professionale,pur restando seduta ad una scrivania in totale immobilità.
Un giorno Jordan riceve una telefonata disperata da parte di una ragazzina nascosta in casa sua,con un intruso all'interno. Un errore da parte di Jordan e la ragazzina viene rapita e in seguito trovata morta. Sei mesi dopo Jordan,non più agli apparecchi,è istruttrice delle reclute,traumatizzata dall'accaduto e travolta dal senso di colpa. Quando,come in un incubo ricorrente,l'episodio si ripete e una ragazzina di nome Casey (Abigail Breslin) contatta con il cellulare il centro dal baule della macchina del suo rapitore,Jordan,terrorizzata,dapprima si sostituisce all'operatrice che ha risposto alla chiamata,poi segue la sventurata cercando di identificarne la posizione e infine dirige le operazioni di salvataggio e,sorpassata la polizia,interviene personalmente e affronta il serial killer.
C'è molto poco che affascina, in questo compendio di clichès raccolti in uno script (Richard D'Ovidio - "Ferite mortali") che non matura i suoi fermenti e appassisce in lavoro che si rassegna alla mediocrità e al rimpianto per un'occasione sprecata.

E' un peccato per una regia che avrebbe potuto portare ai titoli di coda un film con smalto e spunti di fatto rimasti incompiuti e stoccati come in un deposito di attese disilluse. L'incipit è intrigante:in una ripresa a volo d'uccello del caos urbano,un intreccio di strade in un formicaio di persone e macchine immerse in luci e travolte dalle voci anonime della moltitudine,Anderson riassume l'anima della metropoli e della sua complessa personalità.
Quasi a controllarne il cuore e il suo funzionamento,la telecamera inquadra il centro di smistamento delle chiamate,un'immensa stanza tecnologica di comunicazione e risposte all'emergenza. Qui la voce del regista è chiara e il suo messaggio è limpido,ma il tono perde il timbro con il procedere di una narrazione afflitta dai deja vu.
Impossibile non ricordare le sequenze di "Io vi troverò",qui riproposte in copia conforme ,con Liam Neeson al telefono con la figlia nascosta sotto il letto e i rapitori in casa. Anderson sembra non interpretare la scena per poterla rileggere a modo suo e la confeziona nelle stesse situazioni e circostanze.

Così,l'epilogo drammatico dell'episodio che apre il film è una sfacciata ristampa del "buona fortuna" che chiude la chiamata di Neeson nel film di Morel. Allora il rapimento di Casey cerca quello di Catherine nel "Silenzio degli innocenti",senza però sperimentarne l'ansia e il brivido e le osservazioni claustrofobiche su Casey invitano alle ossessioni di "Buried",ma senza una vera risoluzione emotiva.
Tra brevi frasi formulate nell'attenzione ai dettagli - la sequenza del braccio di Casey allungato all'esterno della macchina attraverso il fanale posteriore rotto dall'interno del baule - e l'eccessivo piagnisteo della Breslin,il film procede a fatica,con un ritmo che non decolla e implode in un beat routinario e monotono scandito da personaggi senza alcuna empatia e identità. Nell'epilogo il film conferma la debolezza di un cinema sciupato e l'occasione perduta per uno spettacolo che resta spento e disatteso,dove a rilievo e alchimia si sostituiscono stereotipi e ingranaggi in stato inerziale.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere