Giovedì 6 Ottobre 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
The Door PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 20
ScarsoOttimo 
Scritto da Anna Maria Pelella   
lunedì 24 gennaio 2011

The Door
Titolo originale: Die Tür
Germania: 2009. Regia di: Anno Saul Genere: Thriller Durata: 102'
Interpreti: Mads Mikkelsen, Jessica Schwarz, Valeria Eisenbart, Thomas Thieme, Heike Makatsch, Tim Seyfi, Stephan Kampwirth, Suzan Anbeh, Nele Trebs, Thomas Arnold, Karsten Dahlem, Rene Lay, Christof Duero, Sabine Berg, Patrick Heinrich
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: Inedito in dvd
Voto: 6
Trailer
Recensione di: Anna Maria Pelella
L'aggettivo ideale: Anni Cinquanta
Scarica il Pressbook del film
The Door su Facebook

Tratto dal racconto di Akif Pirinçci.

The DoorDavid Andernach è un artista famoso, con una bella moglie e una figlia, Leonie.
Un giorno, distratto da un’avventura extraconiugale, perde di vista Leonie, la quale cade nella piscina e muore. Cinque anni e un divorzio dopo David, sopravvissuto al tentativo di suicidio messo in atto in quella stessa piscina, insegue una farfalla in un tunnel vicino casa.
E si trova riportato indietro nel tempo al giorno in cui tutto sta per accadere.

David si trova inaspettatamente nella posizione di poter approfittare di una cosa che la vita non concede quasi mai: una seconda occasione. Tema di molti interrogativi, nella realtà come nei racconti di fantascienza, la seconda possibilità, quasi mai risolve i problemi di chi la invocava a gran voce a disastro avvenuto. Tornare indietro, sapendo quel che si è appreso con dolore, e rivivere ancora una volta una situazione dandogli un esito differente, è il sogno di tutte le persone che si rimproverano di aver fatto oppure omesso qualcosa che, sia pure involontariamente, gli ha distrutto la vita.
Ecco quindi la nuova occasione farsi strada davanti a un distrutto ex padre di famiglia, divorziato, che ha perso la figlioletta per essersi distratto correndo tra le braccia di un’avvenente vicina.
Di colpo è ancora in quel giorno, ma sapendo quel che sa adesso, David evita per un pelo la catastrofe. Sua figlia vive, ma ovviamente questo ha un prezzo. E presto scopriremo che in un universo parallelo dove tutto quel che abbiamo visto non è avvenuto, c’è un padre che non ha mai perso sua figlia e che pertanto va sostituito.

Seppur non particolarmente originale, questa variazione sul tema dei mondi paralleli ha un suo sottile fascino.
Tratto da un racconto di Akif Pirinçci, lo Stephen King tedesco, si avvale in primo luogo di un’atmosfera da telefilm anni cinquanta, quelli delle possibilità infinite e dei vicini di casa che danno una mano a chi ne ha bisogno.
David ha la sinistra apparenza di uno che nasconde qualcosa, ma dopotutto è vero, e inoltre ha cinque anni in più rispetto al se stesso che non ha perso la figlia.
Quindi ecco fare la sua comparsa la tintura per capelli e lo sbiancamento della coscienza, a questo punto ferocemente consapevole della fugace essenza della felicità. David diventa quindi un uomo nuovo, lascia l’amante e si dedica alla ricostruzione del suo rapporto di coppia. Leonie però ha capito qualcosa, e questo è un dato di cui tenere conto.

E’ giusto cambiare il corso della propria vita servendosi di un’informazione acquisita tra le macerie di quella che si credeva un’esistenza felice? Fino a che punto è lecito spingersi per difendere la propria felicità? Quanto si è in grado di cambiare di fronte alla reale possibilità di vedere il baratro verso cui si stava correndo?

Sono domande alle quali è difficile dare una risposta, e ancor meno è possibile prevedere quel che ciascuno di noi potrebbe scegliere di fronte alla possibilità di ricucire uno strappo attraverso cui è scivolata via la nostra stessa esistenza.
David semplicemente sceglie la via più semplice, quella che lo allontana dal dolore di una vita svuotata di significato e di affetti in un sol colpo. Un’esistenza che lui aveva dato per scontata e che, adesso che si è sgretolata sotto il peso della sua incuria, lui rivuole indietro.
Quindi si dedica a una recita che lo vuole amorevole padre di una figlia, il cui corpo morto aveva ripescato dalla piscina cinque anni addietro, e marito innamorato di una donna che non aveva esitato a tradire in passato. I suoi sentimenti sono autentici, certo di fronte alla perdita si finisce per conoscere il reale valore delle cose, ma il suo cuore è cambiato e la sua coscienza ha una macchia indelebile.

Seppure è difficile seguire l’iperbole fino in fondo, a causa di quella che finisce per essere un’esagerazione in un plot già duramente provato dall’assioma di base, nel complesso la storia regge.
La regia pulita e didascalica mostra senza sbavature lo spietato inverno della perdita in contrapposizione alla primavera della rinascita, mentre l’intera storia si mantiene volutamente in bilico circa la mancanza di giudizio morale sul costo effettivo delle proprie scelte esistenziali. 
David, un convincente Mads Mikkelsen, avvalendosi di una recitazione minimale, rende in pieno la dolorosa apparenza della irreversibile consapevolezza, e le donne della sua famiglia completano con garbo un quadro per molti versi interessante.
E seppure è vero che nessuno può mai sapere come reagirà di fronte alla scelta se soffrire per i propri errori o commetterne di nuovi, è certo che l’unica cosa da fare di fronte a un tale dubbio è restare a guardare.

 

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere