Venerdì 19 Agosto 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
nightmare-alley-728x140.jpg
The Tourist PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 34
ScarsoOttimo 
Scritto da Anna Maria Pelella   
martedì 21 dicembre 2010

The Tourist
Titolo originale: The Tourist
USA, Francia: 2010. Regia di: Florian Henckel von Donnersmarck Genere: Thriller Durata: 105'
Interpreti: Johnny Depp, Angelina Jolie, Paul Bettany, Timothy Dalton, Steven Berkoff, Rufus Sewell, Christian De Sica, Neri Marcorè, Alessio Boni, Daniele Pecci, Raoul Bova, Nino Frassica, Giovanni Guidelli, Bruno Wolkowitch, Marc Ruchmann, Julien Baumgartner, François Vincentelli, Clement Sibony, Jean-Claude Adelin, Jean Marie Lamour, Nicolas Guillot, Mhamed Arezki, Igor Jijikine, Vladimir Orlov, Vladimir Tevlovski, Alec Utgoff, Mark Zak, Gabriele Gallinari, Riccardo De Torrebruna, Maurizio Casagrande, Iddo Goldberg, Renato Scarpa, Giancarlo Previati, Giovanni Esposito, Marino Narduzzi, Tino Giada, Bruno Bilotta, Ralf Moeller
Sito web ufficiale: www.thetourist-movie.com
Sito web italiano:  www.thetourist.01distribution.it
Nelle sale dal: 17/12/2010
Voto: 4
Trailer
Recensione di: Anna Maria Pelella
L'aggettivo ideale: Turistico
Scarica il Pressbook del film
The Tourist su Facebook

The TouristFrank è un professore di matematica americano, triste, goffo e solitario. Su treno che lo porta a Venezia incontra una misteriosa donna che lo invita nel suo albergo. Intanto alcuni loschi figuri spiano la coppia…

E' ufficiale: dopo la Coppola trionfatrice a Venezia e il polpettone di Ryan Murphy con un'antipatica Julia Roberts, ecco ancora una volta fare capolino nelle sceneggiature americane lo stereotipo sull'italietta ferma alle Vacanze Romane e a La Dolce vita. Non per niente la povera Angelina Jolie è vestita come l'indimenticata protagonista del giro in vespa più famoso della storia del cinema.
Ma procediamo per ordine. In principio c'era un bel film francese: Anthony Zimmer. Girato bene, con una buona fotografia, un cast decisamente adatto e con una regia serrata quanto basta a stimolare l'interesse dello spettatore. Come spesso accade, questo bel film di cui sanno in pochi almeno da noi, non essendo stato distribuito in Italia, attira l'attenzione di qualche produttore americano che prontamente ne commissiona l'immancabile remake.
Una volta scelto il regista giusto e il cast più bello che si possa immaginare ecco pronto il famigerato nuovo thriller made in Usa. Peccato che nel tentativo di sbiancare il plot francese originale, così francese da avere addirittura gli attori francesi e l'ambientazione sulla costa azzurra, si sposti il tutto a Venezia cadendo preda dell'idea che gli sceneggiatori americani hanno mutuato dai film italiani degli anni cinquanta.
Probabilmente li avranno studiati nelle scuole di cinema che si spera abbiano frequentato.

Ma non è possibile sapere se questi sceneggiatori sono stati avvisati del fatto che il tempo è passato e che gli italiani non sono sempre e soltanto a bocca aperta di fronte a una donna bellissima.
Ci si immagina che al Danieli di Venezia ne abbiano viste altre, certo non belle come la Jolie, ma non c'è dubbio che abbiano comunque l'occasione di vedere donne notevoli, americane e non. E che pertanto abbiano imparato a non sbavare di fronte a loro. Sorvolando quindi sull'irritazione che prende l'italiano medio, che potrebbe divertirsi anche a scovare attori italiani distribuiti qua e là come fossero, appunto, delle comparse di lusso, resta da analizzare l'effettiva portata di questa operazione di marketing su grossa scala.
Tenendo presente che le chiacchiere da gossip dell'ultimo minuto su presute scene hot, del tutto assenti nell'originale, segnalano spesso un'operazione dell'ufficio stampa tesa a risvegliare interesse del pubblico su un film che forse non ne meriterebbe, resta da chiedersi se basta prendere due attori bellissimi, vestirne una come un manichino del secolo scorso, e indurre l'altro a simulare l'idiozia, per soddisfare lo spettatore medio.
Anche quello che l'originale non l'ha mai visto e che quindi non sa nemmeno quel che si perde. La risposta è no.
Nessuno spettatore, a meno di limitarsi a guardare le immagini bellissime certo, dopotutto siamo a Venezia e i due sono tra gli attori più belli a disposizione di un regista, potrebbe davvero prendere sul serio l'intera operazione.

Riassumendo abbiamo: una sceneggiatura inspiegabilmente annacquata, due attori bellissimi usati male, ma così tanto male da sfiorare il ridicolo, i preconcetti dell'americano medio sulla nostra nazione a loro avviso zeppa di maniaci che abbordano belle sconosciute alle feste, e una regia di qualcuno che ha appena dimenticato di aver vinto un oscar.
La fotografia è a cura dell'ente del turismo di Venezia, almeno quella ha un senso, ma l'intero film urla la sua pretenziosità e tutti i limiti di chi non si è premurato di aggiornarsi, magari girando un pochino la città, prima di mettersi a filmare.
Cosa resta? Soltanto la buona volontà dello spettatore che, in vena di scemate natalizie, può decidere di dare una possibilità a quest'insulsa accozzaglia di sprechi e banalità. Ma tenendo ben presente che forse vale la pena considerare le banalità natalizie nostrane con un occhio più indulgente.
Del resto il cinepanettone lo hanno inventato gli sceneggiatori italiani e non c'è da scambiarlo con un cinema di qualche valore: è semplice divertimento, senza pretese di autorialità, né battage pubblicitario ingannevole.
E questo gli americani ancora non sono riusciti a copiarlo.

 

Commenti  

 
+2 #4 Frenz 2011-01-08 00:43
Film orribile. Si salva solo Venezia...
Tutto si riduce a sguardi di chiunque alla Jolie che passeggia mentre Deep sembra una controfigura indecente di se stesso.
Trama inesistente, controsensi a valanga.
Evitatelo
Citazione
 
 
-2 #3 Arianna 2010-12-27 13:32
A me è piaciuto! :-)
Non mi aspettavo un finale del genere.... proprio bello!
Citazione
 
 
+5 #2 Alberto 2010-12-22 14:07
Trama insulsa, protagonisti molto al di sotto delle loro potenzialità, assenza totale di suspence o di qualsivoglia colpo di scena, camei di attori Italiani del tutto inutili e patetici,regia floscia e barbosa...basta così o continuo?
Un film del genere doveva uscire ad agosto, non a Natale. Bocciato su tutta la linea.
Citazione
 
 
+4 #1 Stefania 2010-12-22 13:57
Vi sconsiglio vivamente di andare a vedere questo film.....mi sono addormentata più volte in sala e comunque si capisce subito il finale....un film lentissimo che stenta a decollare e che comunque non decolla mai....all'improvviso ti ritrovi il finale e vorresti chiedere il rimborso del biglietto!
Citazione
 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere