HOME arrow IN DVD: arrow Thriller arrow True Detective (Terza Stagione) (dvd)
Sabato 7 Dicembre 2019
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
halloween_banner_160x600.jpeg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
the_field_guide_to_evil_banner.jpeg
True Detective (Terza Stagione) (dvd) PDF Stampa E-mail
Scritto da Davide Sorghini   
mercoledì 02 ottobre 2019

Titolo: True Detective Terza Stagione
Titolo originale: True Detective Season 3
Caratteristiche del dvd in vendita dal 12 Settembre 2019.

Film
La costruzione di questa terza stagione supera di gran lunga le precedenti, per struttura narrativa e temporale.true_detective_3_dvd.jpg
E questo grazie ad un’ottima sceneggiatura e due protagonisti da urlo.
Assolutamente da seguire in lingua originale per godere di tutti gli accenti smozzicati. Della stanchezza con cui hanno tirato fuori le battute. Della realtà attoriale che Mahershala Ali (premio Oscar per Green Book, by the way!) e sopratutto Stephen Dorff hanno saputo portare in scena. Non avrebbe funzionato senza loro due, senza due co-protagonisti chiusi, scorbutici, riservati, bruti. Eppure non si sono mai ripetuti nella loro verità attoriale, ogni scena è diversa, ogni espressione è diversa.
E ci hanno regalato la narrazione di una vita, frammentata in tre linee temporali costellate da segreti mai svelati....
Siamo in Arkansans, scompaiono due bambini, la cittadina si barrica in un muro di paura; i due detective indagano, hanno una pista che viene ostacolata dai federali. Uno dei due si lega ad una donna che parlerà del caso in un libro, che diventerà un best seller minando il precario equilibrio delle persone coinvolte. Poi il colpo di scena, servito al secondo episodio che mette in discussione tutto. Un cambiamento che viene servito in tavola e che accompagna a piccolissimi bocconi, il consumo della cena. La storia di Julie Purcell si infittisce di puntata in puntata, eppure non lo viviamo tanto nelle indagini tanto quanto nel come i protagonisti vivono la loro vita in funzione delle indagini. Il personaggio chiave che ammicca l’occhio allo spettatore ma che si fa odiare da quest’ultimo è proprio la moglie Amelia, interpretata da una bravissima Carmen Edjogo, con quel suo sguardo che buca lo schermo.
Fino alla fine viviamo con un senso di disagio la sua relazione con Wayne, fino alla fine ci chiediamo che carte abbia in tavola da giocare. True Detective 3 torna alle origini, offrendo una struttura più simile alla prima stagione. Un ripercorrere all’indietro l’intera vicenda, attraverso un racconto a tre voci e tre linee temporali.
Eppure si distacca prepotentemente dalla prima serie in termini di trama. Ho trovato la scelta di parlare del rapimento minorile, la prostituzione, la pedofilia davvero molto attuale; e la formula utilizzata me lo ha reso meno thriller “di impatto”, e più reale. Quindi avvicinandomi, da spettatore, ad una realtà che tenderei ad allontanare, se non fosse parte di un mio personale intrattenimento visivo. Ho vissuto il dramma di Julie Purcell come se potesse davvero accadere e non con un senso di distacco che generalmente provo guardando un thriller.
E’ una verità così attuale che la stessa elaborazione di trama, le linee temporali, i continui salti non sono riuscite a distrarmi dalla ricerca della verità. E ho trovato meravigliosa la risoluzione finale che è destinata solo a noi spettatori, e non ai protagonisti.....

Video
Prodotto e distribuito da Warner, la terza stagione di True Detective viene presentata in dvd e nel formato in alta definizione Blu Ray. Noi abbiamo analizzato l'edizione in dvd. La serie è presentata con un formato video di 1.78:1 anamorfico molto buono, caratterizzato da una qualità video particolarmente convincente per il tipo di supporto.
Gli otto episodi sono divisi su tre dischi in un cofanetto classico formato da un'amaray trasparente con artwork interno minimale, dove sono impressi tutti gli episodi. A livello tecnico la qualità dell'immagine è valida, con un quadro video abbastanza pulito e privo di particolari difetti. Anche le scene con scarsa luminosità risultano buone e con un rumore video contenuto. Non si riscontrano particolari problemi, i contrasti sono buoni con un discreto bilanciamento dei bianchi.

Audio
Sono presenti sette tracce audio: Dolby Digital 5:1 per Inglese, Italiano, Tedesco, Francese e Dolby Digital 2:0 per Ceco e Polacco. La traccia italiana ha un ottima dinamica con un uso inetressante di tutti i canali che riscono a creare un campo sonoro avvolgente. I dialoghi risultano sempre chiari e la colonna sonora è resa egregiamente. Sostanzialmente un ottimo Dolby Digital 5:1

Extra
Comparto extra ricco e interessante!
Progettare le decadi Featurette che ci spiega come sono stati ricreati i vari periodi in cui è ambientata la stagione.
La musica della stagione 3 Conversazione con Nic Pizzolatto e T Bone Burnett.
Extended cut del finale Versione estesa del finale di stagione con scene estese e inedite.
Scene Eliminate Scene inedite della serie.

 
Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png  
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere