Lunedì 8 Agosto 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
nightmare-alley-728x140.jpg
Un crimine PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 19
ScarsoOttimo 
Scritto da Biagio Giordano   
lunedì 29 marzo 2010

Un crimine
Titolo originale: A crime
Francia, USA: 2006. Regia di: Manuel Pradal Genere: Thriller Durata: 103'
Interpreti: Harvey keitel, Emmanuel Beart, Norman Reedus, Joe Grifasi, Lily Rabe, kim Director, Brian Tarantina, Patrick Collins, Chuck Cooper, Clem Cheung
Sito web:
Nelle sale dal:  Inedito in dvd
Voto: 6,5
Trailer
Recensione di: Biagio Giordano
L'aggettivo ideale: Invadente
Scarica il Pressbook del film

Un crimineFilm TV originale e avvincente,  di grande impatto visivo e culturale, con un ottimo soggetto narrativo, in grado anche di coinvolgere gli spettatori in problematiche  etiche di rilievo, molto sentite, attuali, di forte incidenza mediatica.
Un crimine meritava forse un lancio pubblicitario diverso, su più vasta scala planetaria,  in virtù anche di un cast di tutto rispetto e di un regista che conferma il suo acume analitico e una eccellente  sensibilità al sociale più paradossale, oscuro, pauroso di  una città grigia e violenta come New York.
Il film risente di un  badge povero,  calcolato per la TV,  il suo linguaggio visivo  non ha una grande articolazione, è molto condensato, la pellicola ha poche telecamere in azione, è troppo essenziale nelle scene, e per descrivere ciò che sta accadendo si appoggia frequentemente sul dialogo verbale più che sull’immagine; ma nonostante ciò il film coinvolge ed emoziona, soprattutto per l’intelligenza dell’intreccio e per le tre splendide recitazioni: della bellissima  Emmanuel Beart, del sempre affascinante Harvey Keitel, e del seducente Norman Reedus. Il contenuto del  racconto  lascia indignato lo spettatore per via di tutti gli assassini messi in scena e rimasti impuniti; il film  rilascia un senso di impotenza, dolore, di fronte a una brutalità invadente, indicibile che buca lo schermo, in una metropoli come New York buia e terrorizzante, vera e squallida come non mai nonostante le sue isole di ricchezza economica e culturale.
Lo spettatore è estere fatto,   allibito dal cinico piano omicida messo in atto da Alice (Emmanuel Beart), una donna fatale, malvagia, che travolge senza scrupoli in una immane tragedia un innocente e onesto lavoratore come Roger (Harvey Keitel), facendola franca.

L’associazione morte-erotismo, bellezza-fatalità negativa, donna fatale-flop della giustizia, scombina e affascina nello stesso tempo, creando un atmosfera filmica sconvolgente, una paura tenebrosa, inaudita, dove l’inconscio di ciascuno, a sorpresa, rilascia  anche un colpevole  piacere; il film in un certo senso fa godere anche  lo spettatore del male che è in gioco, sdoppiandone la  personalità, portandolo a capire che il suo parteggiare per la giustizia non è una cosa del tutto ovvia, scontata, senza conseguenze, ma va incontro a delle contraddizioni, a delle complessità,  perché l’erotismo come arma di qualsiasi corruzione è sempre in agguato, e nessuno può dire di esserne al riparo;  le immagini allora  lo obbligano a rivedere continuamente il suo statuto morale e civile, a contemplare per un attimo ciò che di se stesso è rimosso, messo forzatamente da parte proprio in ragione del funzionamento corretto delle pulsioni  più civili e moralizzanti presenti nella coscienza.
Manuel Pradal lo ricordiamo in film come la Ginostra (2002), un thriller,  Maria della baia degli angeli (1997) una pellicola drammatica, e Canti (1991) un film in omaggio a Pier Paolo Pasolini, con atmosfere anni ’60.
Pradal è un regista molto versatile e di grandi qualità narrative, capace di variare genere senza che le sue opere subiscano incrinature di stile, ma è stato a volte  poco sponsorizzato, infatti non sempre i produttori gli hanno offerto badges che  consentissero ai suoi film di esprimersi al meglio.

Nel film Il crimine il giovane e bello Vincent Harris (Norman Reedus), operaio newyorkese addetto alla sistemazione stradale di grossi manifesti pubblicitari nella periferia di New York, una sera, tornato  a casa dopo una giornata di duro lavoro, trova la moglie morta, riversa sul pavimento del pian terreno, in un lago di sangue,  uccisa da uno sconosciuto. 
Vincent pur sconvolto per quel che è accaduto cerca di ricostruire  tutto ciò che aveva notato di strano nei momenti precedenti il delitto, quando con la sua automobile  si trovava già nelle vicinanze dell’abitazione.
Si ricorda allora di aver incrociato uno strano taxi giallo con una vistosa  ammaccatura nella portiera sinistra,  guidato da  un autista solitario, cupo,  che con le mani  appoggiate al volante non poteva fare a meno di  mostrare  un  grosso  anello cui era  incastonata una pietra preziosa. Il sospetto su quel taxi troverà conferma da altri indizi.
Dal triste giorno in cui gli è scomparsa la moglie  Vincent rimane tormentato, depresso, il suo stato psichico anziché migliorare peggiora, è assillato da un’unica idea fissa: trovare il colpevole dell’omicidio,  l’autista di quel maledetto taxi giallo con l’ammaccatura sulla portiera sinistra , e vendicarsi senza alcuna pietà dell’assassinio della donna.
Una mattina Vincent riceve una telefonata da Alice ( Emmanuel Beart) una donna da tempo  innamorata di lui, che è stata rinchiusa  nelle  celle del commissariato di New York per ubriachezza e molestie, la donna lo supplica di pagare la cauzione per poter riacquistare la propria libertà e stare eventualmente di più insieme.
Vincent, che fa parte anche di una cricca  di scommettitori di gare cinofile, con il suo levriero aveva recentemente vinto dei soldi in una gara clandestina di cani, e riesce quindi a pagare la cauzione con una certa facilità.
Alice  uscita di prigione deve scontare una pena sostitutiva facendo  lavori socialmente utili, viene quindi assegnata dal giudice alla distribuzione comunale dei pasti ai cittadini  bisognosi,  che sono per lo più gli affamati del quartiere.
Alice  però non si lascia coinvolgere più di tanto dal suo compito umanitario, rimane più che mai decisa a scovare  un possibile assassino della moglie di Vincent, a qualsiasi costo, anche incastrando  un innocente,  al fine di placare l’odio dell’amato e sperare, attraverso la  riconoscenza e la gratitudine per il suo gesto, di rafforzare il legame con lui.

Per confortare meglio  Vincent e capire  giorno per giorno di che cosa poteva  aver bisogno,  Alice decide  di andare ad abitare in un appartamento di fronte al suo, dove, da una finestra più alta gli è possibile vedere gli interni dell’abitazione dell’amato.
Alice   si mette  febbrilmente alla ricerca del taxi giallo con la portiera sinistra ammaccata, recandosi anche nei pressi dell’officina di manutenzione e riparazione dei taxi di New York, dove gli viene detto che è praticamente impossibile individuare in modo univoco l’automobile incriminata, tra i 15.000 taxi  presenti nella città, tenendo conto anche che capita frequentemente a dei taxi di strisciare  una portiera sulle prese d’acqua, situate numerose lungo i bordi delle strade di New York; inoltre il taxista ricercato,  per non farsi riconoscere, certamente non si  sarebbe presentato  per la riparazione in quell’officina,  avrebbe tenuto per lungo tempo l’automobile ammaccata e l’avrebbe fatta poi riparare in un altro punto della città.
Alice non si perde d’animo, è più che mai decisa a portare avanti il suo piano noir, e in una delle  numerose sere passate a girare in lungo e in largo sui taxi della città, trova finalmente il taxista giusto, quello da poter facilmente sedurre e consegnare per la vendetta a Vincent; è un uomo non molto alto, rozzo, già un po’ anziano, ma tutto di un pezzo, intelligente, single, amante dell’erotismo senza limiti, appassionato del boomerang,  il famoso  arnese che se lanciato in aria con una certa tecnica ritorna indietro, usato dagli aborigini per catturare gli uccelli; sulle dita ha un anello simile a quello descritto da Vincent. Il taxista si chiama Roger Culkin ed è  impersonato da Harvey keitel che sfodera per l’occasione, nonostante la sua sia solo una  recitazione per la TV,  una delle  migliori interpretazioni della carriera.
Il taxista si innamora di Alice perdutamente e finirà perciò nella trappola tesagli dalla donna, che per rendere più credibile a Vincent l’avvenuta individuazione del colpevole, farà lei stessa un’ammaccatura  alla portiera sinistra del taxi  facendo strisciare l’auto sul sostegno d’acciaio di un idrante.
Alice convince Vincent di aver trovato il vero assassino e consegna il taxista Roger, del tutto innamorato di lei, all’amato che è sempre più deciso ad  ucciderlo.
Il taxista, attirato con una scusa in un locale di scommesse situato in un sottoscala  viene picchiato e ridotto in fin di vita da tre uomini;  Vincent rinchiuderà poi il taxista nel portabagagli dell’automobile e getterà la macchina nel fiume.
Quando ormai Roger viene ritenuto morto, accade un fatto strano, Alice durante una passeggiata con Vincent in un parco di New York sente nell’aria il sibilo di un oggetto in movimento, caratteristico del boomerang, un suono che aveva sentito quando stava con  Roger che  lanciava spesso l’attrezzo nell’aria, il sibilo la rabbuia come se presentisse l’avvento di qualcosa di oscuro, di minaccioso per la sua vita.  
Roger ricompare, è vivo, era riuscito miracolosamente ad aprire il cofano dell’auto in cui era stato imprigionato,  aiutato da un urto della macchina su uno ostacolo, e a  liberarsi da ogni impedimento.  Roger scopre tutta la triste verità sul suo accaduto intimidendo con forza Alice, facendola parlare, portandola a confessarsi, ma non vuole rinunciare a frequentarla.
Roger nonostante  prenda coscienza di tutta la perversità della donna e della propria debolezza di fronte a lei,  rimane  alla fine ancora più attratto da Alice, così che anziché ucciderla o consegnarla alla polizia preferisce  continuare la folle relazione, delirando, costringendola con la forza a subire ripetute violenze erotiche, finché durante il sonno non verrà ucciso dalla donna, stremata dalle continue umiliazioni.
La donna e l’amante Vincent progettano subito dopo di cambiare città; Alice continuerà a svolgere lavori socialmente utili in un altro luogo. Nessuno sospetta di loro.

Dal punto di vista etico questo film sembra allontanarsi sempre più dal famoso codice morale Hays stilato nel 1934 negli Stati Uniti con la mediazione anche di forze politiche, che prevedeva, tra numerose e severe norme di comportamento etico nella narrazione, anche la cattura o la morte del responsabile di un assassinio.
Il taxista Roger muore senza aver fatto alcun male e la coppia omicida Alice-Vincent si dilegua impunita nel nulla.

 

Commenti  

 
0 #4 OSCAR 2014-10-21 08:44
guardate che il tassista Roger e' il vero assassino,perch e' nel finale lei, Alice, trova due anelli simili nel cruscotto della vettura mentre Roger era a fare pipi'. Quindi Alice ha ucciso il vero assassino o sbaglio?.
Citazione
 
 
0 #3 eve 2014-10-19 08:19
ma che film hai visto? Descrivi tre quarti di film nel dettaglio e poi racconti un finale diverso? Pisolino al cinema? Comunque un film pessimo
Citazione
 
 
0 #2 Nicola 2014-05-16 22:13
Si perché' " il film risente di un badge povero" anche quella non è' male!!
Scrittura a parte e' l'unica recensione con tanto di trama abbastanza dettagliata
Citazione
 
 
0 #1 dario 2012-11-03 08:13
Ma com'è possibile pretendere di occuparsi di cinema e scrivere (più volte) "Emmanuel Beart" anziché, correttamente, "Emmanuelle Béart"? Acccento mancante a parte, l'ha fatta anche diventare un maschio! ...
Citazione
 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere