Domenica 22 Ottobre 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
A Single Shot PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 49
ScarsoOttimo 
Scritto da Dario Carta   
domenica 23 marzo 2014

Titolo: A Single Shot
Titolo originale: A Single Shot
Regno Unito: 2013. Regia di: David M. Rosenthal Genere: Thriller Durata: 105'
Interpreti: Sam Rockwell, William H. Macy, Melissa Leo, Jeffrey Wright, Jason Isaacs, Kelly Reilly, Joe Anderson, Ophelia Lovibond, Ted Levine, Amy Sloan, W. Earl Brown, Heather Lind, Christie Burke, Jenica Bergere, Lana Giacose, David Flannery
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: Inedito
Voto: 6,5
Trailer
Recensione di: Dario Carta
L'aggettivo ideale: Sinergico
Scarica il Pressbook del film
A Single Shot su Facebook

a_single_shot_leggero.pngC'è sicuramente qualcosa di suggestivo nel neo-noir del regista David Rosenthal "A Single Shot" e oggigiorno,una volta schivata la fatalità della scontatezza,il cinema può vantare la virtù dell'onestà. E questo è uno di quei casi.
Permeato del fascino uggioso degli spazi boschivi d'America,questa fotografia della Provincia,scattata dalle pagine dello script di Matthew F. Jones,tratto dal proprio omonimo romanzo,ha il carisma di un thriller che reclama i toni di un dramma narrato con stile e forma,ambientato nelle pallide atmosfere delle aree extraurbane degli USA.

Durante una caccia al cervo,John Moon (Sam Rockwell) spara inavvertitamente ad una ragazza nascosta dal fogliame degli alberi. John non ha ancora aperto bocca,nelle scene che compongono l'incipit del film,ma a parlare sono i tratti della figura di un uomo segnato dalle difficoltà economiche e macinato dalla fatica di rimettere insieme i pezzi di una famiglia disintegrata.

Nei silenziosi minuti del prologo,John,nel panico,cerca di nascondere il corpo,ma si imbatte nell'accampamento della ragazza,dove trova un baule pieno di denaro,che l'uomo decide di prendere,per trovarsi subito dopo oggetto di minacce e bersaglio di gente molto pericolosa. Rosenthal,un po' come l'avvio del "Prisoners" di Denis Villeneuve,dà inizio al racconto inserendolo nello scenario brumoso di boschi immersi in silenzi e avvolti dalle tinte morbide e umide di terre grigie e bluastre fecondate dalla natura,acque ,alberi e rugiade pennellate dalla lirica solitudine di una provincia muta e quasi incorporea. L'introduzione è lunga e senza una parola,e il lavoro del regista e di Rockwell concretizza sinergia professionale e virtù empatiche in un linguaggio di cinema che scorre subito nelle viscere lasciando la firma negli occhi.

Così l'incerta luce dell'alba,i colori tenui e desaturati e l'ambiente che accoglie le inquadrature iniziali del film lasciano il posto,senza rumori e squilibri,al disegno dell'uomo di Rockwell che,nel rispetto di un cinema sincero,tratteggia senza parlare un personaggio segnato da solitudine ed emarginazione.
Emarginazione che non sembra solo umana e sociale - cfr. la scena di John che,entrando in casa della moglie (Kelly Reilly) scopre la baby-sitter seminuda in compagnia di un uomo tatuato (Joe Anderson),mentre in TV scorrono le immagini di un film porno e nella stanza vicina gioca un bimbo - ma anche geografica e ambientale,nella fotografia di una realtà rurale afflitta e chiusa in sè stessa. Rockwell,attore poliedrico,incarna John facendone un personaggio intenso e umano in una performance che andrebbe ricordata tra le migliori della sua carriera.

Rosenthal imposta un ritmo silenziato e lento,mai macchinoso e affettato ma al contrario,sciolto dalle briglie del manierismo,il regista ficca la cinepresa nella carne povera d'America e ne sonda l'anima con un decoupage progressivo e bilanciato il cui risultato,al termine di un metodico crescendo,si dimostra persino maggiore della somma delle sue parti e la narrazione conferma compattezza e credibilità.
Allora "A Single Shot" è forma di un cinema schietto e onesto,che sa parlare poco ma sa esprimere il linguaggio autentico dello spettacolo di identità.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere