Domenica 27 Maggio 2018
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
Recensioni Blu Ray
the_midnight_man_160x600.jpeg
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Il circolo Pickwick News
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Criminal PDF Stampa E-mail
Scritto da Davide Sorghini   
mercoledì 20 aprile 2016

Titolo: Criminal
Titolo originale: Criminal
USA, Gran Bretagna 2016 Regia di: Ariel Vromen Genere: Thriller Durata: 117'
Interpreti: Kevin Costner, Gary Oldman, Tommy Lee Jones, Alice Eve, Ryan Reynolds,Michael Pitt, Jordi Mollà, Scott Adkins, Amaury Nolasco, Antje Traue, Colin Salmon, Gal Gadot
Sito web ufficiale: www.criminal.movie
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 13/04/2016
Voto: 5,5
Recensione di: Davide Sorghini
L'aggettivo ideale: Incompiuto....
Scarica il Pressbook del film
Criminal su Facebook

criminal_leggero.pngJerico (Kevin Costner) è un pericoloso criminale detenuto presso una prigione di massima sicurezza. Quando l’agente della CIA Bill Pope (Ryan Reynolds) muore sul campo, essendo lui l’unica speranza per compromettere un attacco terroristico su scala globale, ecco che subito si pensa a Jerico. Perché? Nell’universo di Criminal esiste infatti un progetto sperimentale che consentirebbe di “spostare” i ricordi da una persona all’altra; e poiché Pope era l’unico a sapere come sventare la minaccia, o la va o la spacca.

Siamo nell’ambito della fantascienza, più e più volte bazzicata, pure di recente, basti pensare ad un altro film con protagonista Reynolds, ovvero Self/Less, d’impostazione analoga almeno in relazione alla tematica. Ma non è solo questo, dato che il film di Ariel Vromen (regista di The Iceman) in superficie resta un action il cui protagonista è la spendibile canaglia la cui parabola ne ribalta il profilo tra l’inizio e la fine. Al tempo stesso, Criminal è uno di quei film che a parlarne suscitano un naturale interesse, i cui leitmotiv insomma toccano le note giuste.

Si parla infatti di un travaso di ricordi, perciò di personalità, da un agente della CIA (buono) ad un pazzo criminale (cattivo). La domanda a quel punto è: cosa può comportare tutto ciò?
Il film procede su un doppio, triplo binario; la traccia principale resta la missione affidata a Jerico dall’agenzia, che consiste nello scovare l’Olandese, il terrorista, ed evitare la catastrofe.
Tuttavia il “mutamento” di Jerico è non meno centrale, snodandosi non solo attraverso il compimento della missione di cui sopra, ma anche mediante il suo relazionarsi con gli affetti di Pope, ovvero moglie e figlia di quest’ultimo.

Tre binari, perciò, che sulla carta danno adito ad un potenziale notevole. Ma allora dov’è che si perde Criminal? Beh, a dispetto dei promettenti presupposti, la parabola di Jerico si risolve per lo più in un action freddo, che non riesce a realizzare tali premesse, specie sul fronte sci-fi. La famiglia di Pope rappresenta un banco di prova per il nostro, grazie al quale è possibile, anche per noi spettatori, testare la riuscita di quell’esperimento che l’ha portato a condividere ricordi e sensazioni col defunto agente della CIA.
Sensazioni, per l’appunto, non solo ricordi. Uno spunto che aprirebbe una voragine, poiché Jerico non soltanto ricorda eventi ed episodi, ma sperimenta grossomodo gli stessi sentimenti di Pope. Non avrebbe meritato maggior rilievo una trovata del genere, altro dal semplice avvicinamento alla moglie? L’impressione è che Vromen abbia dovuto assecondare a tal punto le varie nature del film da ritrovarsi con le mani legate su più fronti; finendo perciò con l’offrire un punto di vista limitato, come lo è l’azione stessa.

Così per com’è si tratta di un action il cui “classicismo” non esalta nulla, bensì impoverisce. L’incipit anzitutto, che si presta a speculazioni più significative del mero dispositivo narrativo, buono giusto per innescare qualche slancio emotivo.
A quel punto appare chiaro come in realtà Criminal sia prima di tutto un action, sebbene con velleità fantascientifiche. Un’ambizione a cui non fa seguito altrettanta incisività, perché alla fine il tutto si risolve nel trarre spunto un po’ da tutto.
Spie, assassini, criminali, scienziati e chi più ne ha più ne metta. Un sogno per alcuni. Peccato che resti tale.

Trailer

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png  
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere