HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Western arrow Alamo gli ultimi eroi
Lunedì 10 Dicembre 2018
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
jurassic_world_il_regno_distrutto_160x600.jpeg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prossimamente
Alamo gli ultimi eroi PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 1
ScarsoOttimo 
Scritto da Samuele Pasquino   
domenica 22 febbraio 2009

Alamo gli ultimi eroi
Titolo originale: The Alamo 
USA: 2004 Regia di: John Lee Hancock  Genere: Western  Durata: 137'
Interpreti: Patrick Wilson, Jason Patric, Billy Bob Thornton, Emilio Echevarria, Dennis Quaid, Jordi Mollà, Leon Rippy, Tom Davidson, Marc Blucas, Robert Prentiss, Kevin Page, Joe Stevens, Laura Clifton, Patrick Wilson
Sito web:
Nelle sale dal: 2004
Voto: 5
Trailer
Recensione di: Samuele Pasquino

Alamo gli ultimi eroiTexas, 1836. Un gruppo di coraggiosi soldati americani guidati da Jim Bowie e Davy Crockett (Billy Bob Thornton) difendono per lunghi giorni Fort Alamo, assediati da più di duemila messicani comandati dal generale dittatore Sant'Anna.
Il forte cadrà ed il massacro sarà inevitabile, tuttavia poco dopo il generale Huston (Dennis Quaid) giungerà con i rinforzi e sconfiggerà Sant'Anna, riconquistando definitivamente il territorio. I caduti di Alamo diverranno leggenda.  

Il regista John Lee Hancock porta il nome di uno dei firmatari della Dichiarazione d'indipendenza degli Stati Uniti d'America, risultando in tal caso perfettamente idoneo a dirigere un film che parla di gloria e leggenda. Francamente, però, "Alamo" si rivela un'autentica delusione secondo tutti i punti di vista, a cominciare da una sceneggiatura prolissa e stanca che non sa in alcun modo sostenere l'eroismo di cui il film dovrebbe essere pregno. Questa nuova versione della mitica resistenza all'assedio della missione in Texas non regge il confronto con "La battaglia di Alamo" del 1960, innanzitutto perchè pecca a livello storico e descrittivo: Hancock riempie il forte con una manica di diseredati e ubriaconi, rivelando numerosi conflitti fra coloro che dovrebbero guidarli.
Le dinamiche dell'assedio, poi, sono a dir poco disastrose: secondo questa versione, assai improbabile, Alamo cade a causa della disattenzione delle sentinelle, cadute in un sonno profondo e favorendo, così, l'avvicinamento silenzioso dei soldati messicani.
Fatta eccezione per la scenografia, tutto sommato ben fatta, il resto dimostra un'ingenuità incredibile, discorso compreso per la caratterizzazione dei personaggi. L'unico che si fa valere e giustifica a ragione la sua fama è Davy Crockett, guerriero carismatico interpretato da Billy Bob Thornton e nel 1960 dal grande John Wayne.
Le sontuose scene barocche non riescono a elevare il film dalla sua evidente mediocrità, in più le oratorie patriottiche pregne di retorica militare saturano ormai buona parte della cinematografia americana, rivelando le debolezze di una nazione incline alla superbia e all'ostentazione del suo potere politico. Il ricorso a frasi d'impatto e commoventi commemorazioni dai toni solenni non funzionano più in molti contesti. Hancock costruisce un baraccone che accenna soltanto le sue potenzialità, mostrando timidamente qualche frammento di spettacolarità ludica.

Una sceneggiatura più meditata avrebbe di certo dato origine ad un film perfettamente collocato nel suo genere, il risultato è invece un pretenzioso tentativo di elogiare il coraggio di un gruppo di soldati, che avrebbe meritato una vicenda cinematografica non necessariamente altisonante ma almeno fedele ai fatti storici.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Non ci resta che vincere
Tito e gli alieni
Perfetti sconosciuti
Il sacrificio del cervo sacro
Orecchie
Searching
Una vita spericolata
E' nata una stella
La terra dell'abbastanza
Dante va alla guerra
BlacKkKlansman
The Infiltrator
La profezia dell'armadillo
Sulla mia pelle
Gotti – Il Primo Padrino
Il tuttofare
The End? L'inferno è fuori
Ride
Io sono tempesta
Io c'è
Stronger, io sono più forte
Schegge di paura
Broadway Danny Rose
Il giovane Karl Marx
Come un gatto in tangenziale
La truffa del secolo
La truffa dei Logan
Monitor
Dogman
Un sogno chiamato Florida
Ippocrate
End of Justice - Nessuno è innocente
Ogni maledetta domenica
Paterno
Made in Italy
Rimetti a noi i nostri debiti
Abracadabra
Benvenuto in Germania
Avengers: Infinity War
I segreti di Wind River
Molly's Game
Il premio
Tonya
Strange Days
Omicidio al Cairo
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png  
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere