Giovedì 21 Giugno 2018
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
the_midnight_man_160x600.jpeg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Il circolo Pickwick News
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Django PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 23
ScarsoOttimo 
Scritto da Andrea Matera   
venerdì 18 febbraio 2011

Django
Titolo originale: Django
Italia: 1966. Regia di: Sergio Corbucci Genere: Western Durata: 91'
Interpreti: Franco Nero, Loredana Nusciak, José Badalo, Angel Alvarez, Eduardo Fajardo, José Bodalo, Luciano Rossi
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 1967
Voto: 6,5
Trailer
Recensione di: Andrea Matera
L'aggettivo ideale: Gotico
Scarica il Pressbook del film
Django su Facebook

DjangoUn disertore dell’ esercito nordista di nome Django , dopo aver salvato una giovane prostituta da un gruppo di uomini, giunge in una spettrale cittadina al confine con il Messico.
Qui incontra  il colonnello Jackson , comandante di un piccolo plotone di uomini, diventati fanatici razzisti e seguaci del Ku Klux Clan e i ribelli messicani guidati dal generale Hugo Rodriguez, ex-compagno di avventure di Django.
Dopo aver massacrato gran parte degli  uomini di Jackson grazie all’ oggetto contenuto nella bara da egli trascinata , prepara con l’appoggio dei messicani, l’assalto al forte situato in Messico, dove si trova custodito l’oro di Jackson (vero motivo del suo vagabondare in quelle terre).
L’assalto al forte riesce ma Django non si fida dei suoi nuovi compagni e fugge con il bottino assieme alla giovane donna salvata in precedenza, ormai follemente innamorata di lui.
La fuga però fallisce ; la ragazza viene gravemente ferita e all’ ex-soldato vengono fratturate entrambe le mani. Ferito nel corpo e nell’anima, Django decide  di affrontare il colonnello Jackson e i suoi uomini; il duello avverrà in un cimitero..

Django rappresenta per il cinema italiano, il primo western iperviolento, lontano dalle atmosfere “mitiche” leoniane.
L’eccessiva violenza (la scena dell’orecchio disturba ancora oggi)  i personaggi amorali (tra cui , in parte , lo stesso Django) e  i luoghi rappresentati con un mix  di realismo e visionarietà (l’arrivo di Django nella cittadina ne è un ottimo esempio) allontanarono l’opera dai western fino ad allora realizzati creando un atmosfera più vicino al genere horror.
La sceneggiatura, rimanda più di volta con la memoria ai film di Leone con l’aggiunta di  alcune idee efficaci sia dal punto di vista visivo che narrativo (l’uso della bara  e lo svolgimento del duello finale , sono ottimi esempi) .

Non tutto però è sviluppato benissimo, i personaggi  non sono ben sviluppati  ( anche lo stesso personaggio di Django subisce in parte, lo stesso trattamento) la scarsità della produzione e il cast mediocre (tranne il protagonista , un carismatico Franco Nero) sono i principali difetti di questa pellicola.
L’ispirata regia di Corbucci e la colonna sonora di Luis Bacalov (in cui spicca il tema principale che apre la prima scena ,ormai di culto.) rappresentano le principali qualità che hanno reso possibile la trasformazione del film in un cult-movie amato in tutto il mondo.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png  
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere