Lunedì 10 Dicembre 2018
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
jurassic_world_il_regno_distrutto_160x600.jpeg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prossimamente
Giorno maledetto PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 4
ScarsoOttimo 
Scritto da Biagio Giordano   
venerdì 15 maggio 2009

Giorno maledetto
Titolo originale: Bad Day at Black Rock
USA: 1955 Regia di: John Sturges Genere: Western Durata: 81'
Interpreti: Spencer Tracy, Robert Ryan, Anne Francis, Dean Jagger, Walter Brennan, John Erickson, Ernest Borgnine, Lee Marvin
Sito web:
Nelle sale dal: 1956
Autore letterario: Howard Breslin
Voto: 8
Trailer
Scarica ora Giorno maledetto con eMule Official e per velocizzare il download usa Speed Downloading!
Recensione di: Biagio Giordano

bad_day_at_black_rock_leggero.jpgGiorno maledetto di John Sturges, è un film USA a colori di grande impatto scandalistico, uscito nel 1955 quando alcuni episodi di razzismo nei confronti dei Nisei, americani di origine giapponese, avvenuti durante la seconda guerra mondiale, cominciavano ad affiorare pubblicamente sconvolgendo la coscienza degli americani.
La pellicola si può considerare, da un certo punto di vista, l’ultimo western americano di impronta etico-giustizialista.
Il film è ambientato nel 1945 in una regione praticamente desertica degli Stati Uniti, due mesi dopo la fine della seconda guerra mondiale, in un’atmosfera quotidiana seriosa e a volte triste, segnata dalle  numerose tragedie rilasciate dalla guerra, che con lutti e disagi di ogni genere  aveva profondamente inciso, per lungo tempo, sulla psiche e gli atteggiamenti di gran parte della popolazione americana.
Il disorientamento del vivere quotidiano, nonostante la pace e la vittoria appena ottenute, era in quel periodo ancora molto forte e dovuto principalmente allo sfilacciamento di molti tessuti sociali operato dalla guerra, inoltre la mancanza di notizie più dettagliate sullo stato reale della nazione accresceva nei cittadini il senso di insicurezza e di paura.
La popolazione  maggiormente coinvolta dalla guerra cercava di ricostruire ogni giorno  le vecchie relazioni sociali in parte perdute, al fine di risolvere qualche problema di ordine pratico e affettivo, ritornando a una vita regolare, ma in alcuni casi si accorgeva che era diventato molto difficile riprendere i rapporti, perché erano cambiate molte cose, e una banale ricerca di contatti poteva riservare sorprese di ogni tipo tra cui la morte del ricercato. 
Il racconto inizia con un’indimenticabile ripresa aerea che vede protagonista la telecamera in alcune sue audaci e quasi del tutto inedite incursioni; essa riesce a calarsi arditamente in un ampio territorio desertico, tipicamente americano, roccioso e soleggiato, seguendo a pari velocità, un treno express dal sibilo facile e assordante.
La telecamera segue i convogli uno a uno  riprendendoli in tutta la loro estensione, alternando ad efficaci riprese parallele, controcampi zoomati di grande effetto visivo, come quando l’obiettivo va incontro al treno e ne mostra il  passaggio veloce sulla lente.
L’express, dopo un lungo e solitario scorazzare tra distese illimitate, martellate dal sole, dal panorama incantevole, giunge in vista di un piccolo ed eccentrico caseggiato, con case sparse un po’ dovunque, prive di un centro, e dall’aspetto economicamente depresso.
A un certo punto quasi inaspettatamente il treno comincia a rallentare, fino a fermarsi davanti alla stazione del villaggio, denominato  Black Rock (Pietra nera), un luogo sinistro, con poca acqua, situato nella parte del far west più dura, quella dominata da roccia e terra sabbiosa, una zona arida e desolante famosa soltanto per le ricerche dell’oro che un tempo appassionavano gli  abitanti più vicini del paese.
Un uomo anziano, ben vestito, con un abito bleu fatto su  misura, scende da una lussuosa carrozza e conversa per un attimo con il controllore del treno, al quale, stupito della sua permanenza in quel luogo funereo, dichiara di voler rimanere nel paese solo 24 ore.

L’individuo in bleu, ha un’aria accreditata, è un ex combattente, un soldato americano che era stato impegnato in Italia, nella liberazione dal fascismo, ha il braccio sinistro monco o forse solo atrofizzato, si chiama Mcgreedy, risiede a Los Angeles; egli sarà il vero protagonista del film.
L’uomo è  accolto con diffidenza e ostilità dal personale della stazione, il telegrafista Hastings, una persona  addetta anche al controllo dell’arrivo dei treni, dopo avergli chiesto inutilmente cosa intendeva fare a Black Rock, telefona a un certo Pete, centralinista e gestore dell’unico albergo del paese, allarmandolo dell’arrivo.
Mcgreedy ha intrapreso il lungo viaggio da Los Angeles a Black Rock per  scoprire il segreto racchiuso nella scomparsa di una persona cara. Egli vuol  capire perché Komoko, il padre di un suo compagno d’armi, Joe Komoko, non ha più dato da tempo notizie, e se ancora vivo, consegnarli  una medaglia al valor militare, riconosciuta dall’esercito al figlio Joe.
Joe combatteva accanto a   Mcgreedy, ed è rimasto ucciso in guerra per salvargli la vita.
Padre e figlio sono di origini giapponesi ( i cosiddetti Nisei) ma cittadini americani ormai da anni.
Komoko  viveva in una località del paese di Black Rock denominata la steppaia, dove coltivava  la terra affittatagli a sovrapprezzo da un certo Smith, usuraio razzista del paese; Komoko dopo essere riuscito a trovare l’acqua, scavando da solo per più di venti metri, in un terreno compatto e secco, era riuscito ad avviare una normale attività contadina giungendo ad ottenere dal terreno coltivato una soddisfacente remunerazione. Il risultato ottenuto da Komoko, giunto ai più del tutto inaspettato, aveva suscitato gelosie tra gli abitanti del piccolo paese, rendendo, l’affittuario del terreno, Smith, addirittura furioso.
Smith, dopo l’attacco a tradimento dei giapponesi a Pearl Harbor, era stato colto da pulsioni  compulsive omicide, di chiara matrice razzista, arrivando al punto di odiare  Komoko solo perché di origine giapponese. Preso da una furia incontrollabile, accresciuta dal rifiuto dell’esercito americano ad arruolarlo per la guerra, un giorno Smith decide di sfruttare la sua influenza su alcune persone del paese per organizzare, in gruppo, l’omicidio di Komoko.

Smith insieme a Hector David, Coley Trimble, Pete Wirth, e con la complicità dello sceriffo alcolizzato Tim Horn, della sorella di Pete Liz, garagista della zona,  del telegrafista Mr Hastings, addetto alla stazione, organizza una spedizione punitiva nei confronti di Komoko, reo solo di essere americano-giapponese.
La banda  brucia l’abitazione dell’uomo e mentre  fugge in fiamme dalla sua abitazione Smith gli spara un colpo  alla schiena uccidendolo sul colpo.
Mcgreedy, ignaro di quanto successo a Komoko,  ma consapevole, dopo la cattiva accoglienza ricevuta dagli abitanti, che qualcosa di serio doveva essergli accaduto,  si reca con una Jeep nella steppaia alla ricerca di eventuali  tracce lasciate dall’uomo, qualcosa che potesse suggerire la presenza nel luogo di un’attività passata;  egli è più che mai deciso ad andare a fondo nella questione, scoprire tutta la verità, fare giustizia favorendo la cattura dei colpevoli.
Giunto sul posto Mcgreedy trova i resti di una casa bruciata, forse appartenente a Komoko, e sul terreno i tipici fiori, simili alle margherite, che crescono sulla superficie del terreno in cui è sepolto qualcuno senza bara; Mcgreedy conosceva bene quei fiori, perché in guerra ne aveva visti molti, tra le tombe provvisorie dei cimiteri da campo.
Ormai sicuro  della morte di Komoko, probabilmente da lui stesso attribuita alla mano di Smith, Mcgreedy decide di ritornare in paese e  avvisare la polizia per un indagine, ma qualcuno lungo la strada cerca di ucciderlo, è una macchina che urta ripetutamente il paraurti posteriore della Jeep; al volante dell’automobile assassina c’è Coley Trimble (Borgnine), amico di Smith. Gli uomini di Smith dopo essersi accertati, tramite un amico detective a Los Angeles, che Mcgreedy era un illustre sconosciuto, avevano  infatti deciso  di farlo fuori.
Mcgreedy scampa all’agguato, ma provato da quanto accaduto comunica  al gestore dell’albergo l’intenzione di volersene andare. L’assenza di mezzi di trasporto lo fa desistere, nel frattempo cerca di avvisare per telegrafo la polizia. Il telegrafo però controllato dagli uomini di  Smith non viene quasi mai usato e a Mcgreedy viene riportato il suo messaggio originale, privo di ogni riscontro, mai spedito.
Mcgreedy accortosi della debolezza e incertezza di alcuni nel difendere coerentemente  il segreto sulla scomparsa di Komoko, decide di agire fermamente sul senso di colpa di taluni del gruppo, aggredisce quindi verbalmente Pete, il gestore dell’albergo, e con l’aiuto del medico del villaggio, chiaramente ormai a suo favore, strappa la confessione su quanto accaduto a Komoko.
Ormai destinato ad essere ucciso, Mcgreedy viene aiutato a fuggire dallo stesso Pete, ormai preso dai rimorsi per aver partecipato al fatto di sangue, e da sua sorella Liz.
I due inoltresono sostenuti dal medico che è passato dalla parte di Mcgreedy.
Liz di sera cerca di portare Mcgreedy con la sua Jeep verso il paese più vicino, dove avrebbe trovato una corriera in grado di riavvicinarlo a una linea ferroviaria importante, ma i due cadono in un trabocchetto preparato da Smith che nel frattempo era stato avvisato da qualcuno della banda della decisione di Pete di far fuggire Mcgreedy. Smith aspettava la macchina con Mcgreedy in un luogo sinistro dove avveniva il rifornimento d’acqua.
La scena in cui Mcgreedy, disarmato, riesce a sventare l’omicidio da parte di Smith appartiene indubbiamente all’antologia del cinema, sia per suspense che per tensione risolutiva del finale.
Smith fa avvicinare Liz, con l’inganno, e quando lei accortasi dell’intenzione omicida dell’uomo cerca di fuggire, viene uccisa con un colpo di fucile alla schiena; Liz ormai era una potenziale testimone a favore di Mcgreedy, poi Smith si avvicina lentamente all’automobile per eliminare anche Mcgreedy, ma quest’ultimo prepara nel frattempo un esplosivo.
Mcgreedy riempie velocemente una bottiglia vuota con della benzina della macchina, utilizzando l’accensione dell’automobile che all’avviamento mette in movimento la pompa del liquido,  infila poi la cravatta nel collo della bottiglia e dà fuoco alla miccia, all’avvicinarsi armato di Smith gli lancia l’ordigno addosso facendolo esplodere su una roccia a lui vicina, i vestiti di Smith prendono fuoco e l’uomo si accascia la suolo moribondo.
Mcgreedy ritorna con i due cadaveri in paese, sorprendendo tutti per il suo coraggio e l’acume avuto nello scontro. Prima di ripartire lascia la medaglia al valor militare di Joe al medico suo alleato che gli assicura servirà a riabilitare l’immagine del Paese dopo i tragici fatti.
Giorno maledetto, tratto da Bad Day at Hondo di Howard Breslin, è da considerare senza ombra di dubbio il capolavoro di John Sturges (noto per I  Magnifici sette, Il vecchio e il mare, La notte dell’aquila, La grande fuga, etc.).

Il film impressiona sia per la sua perfezione stilistica sia per le innumerevoli tensioni narrative costruite con gli ingredienti giusti, sempre ben dosati. Il grande ritmo narrativo anziché andare incontro durante la narrazione a qualche pausa o sfilacciatura del significato, è tale da riuscire ad elevare la drammatizzazione quasi in un crescendo esponenziale. Sturges sigla poi un finale superlativo, altamente tragico, commovente, dai toni insuperabili.
La pellicola eccelle praticamente su tutto, dalla sceneggiatura, realizzata con una scrittura sciolta, essenziale, ben centrata sui dialoghi diretti che contribuiscono a dare alle scene un’alta comunicatività e scorrevolezza narrativa, alla sua splendida  fotografia che lascia sbalorditi per lo studio dell’inquadratura e il montaggio delle scene in velocità.
Senza dimenticare nella narrazione  il sincronismo ben realizzato tra dialoghi, aspettative dello spettatore, e i colori dei luoghi e degli ambienti chiusi sfumati in  veri e propri linguaggi.
L’atmosfera psicologica di ogni scena è estremamente coerente, essa fa da cerniera tra linguaggio verbale e linguaggio visuale creando tra loro una sintonia quasi perfetta, a volte addirittura insuperabile, tale da lasciar sbalorditi.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Non ci resta che vincere
Tito e gli alieni
Perfetti sconosciuti
Il sacrificio del cervo sacro
Orecchie
Searching
Una vita spericolata
E' nata una stella
La terra dell'abbastanza
Dante va alla guerra
BlacKkKlansman
The Infiltrator
La profezia dell'armadillo
Sulla mia pelle
Gotti – Il Primo Padrino
Il tuttofare
The End? L'inferno è fuori
Ride
Io sono tempesta
Io c'è
Stronger, io sono più forte
Schegge di paura
Broadway Danny Rose
Il giovane Karl Marx
Come un gatto in tangenziale
La truffa del secolo
La truffa dei Logan
Monitor
Dogman
Un sogno chiamato Florida
Ippocrate
End of Justice - Nessuno è innocente
Ogni maledetta domenica
Paterno
Made in Italy
Rimetti a noi i nostri debiti
Abracadabra
Benvenuto in Germania
Avengers: Infinity War
I segreti di Wind River
Molly's Game
Il premio
Tonya
Strange Days
Omicidio al Cairo
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png  
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere