Martedì 11 Maggio 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
american-woman-banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
Hai paura del buio PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 34
ScarsoOttimo 
Scritto da Daria Castefrachi   
domenica 01 maggio 2011

Hai paura del buio
Titolo originale: Hai paura del buio
Italia: 2010. Regia di: Massimo Coppola Genere: Commedia Durata: 90'
Interpreti: Gianluca Di Gennaro, Erica Fontana, Manrico Gammarota, Marcello Mazzarella, Alexandra Pirici
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 06/05/2011
Voto: 6
Trailer
Recensione di: Daria Castefrachi
L'aggettivo ideale: Anacronistico
Scarica il Pressbook del film
Hai paura del buio su Facebook

Hai paura del buioQuello di Massimo Coppola vorrebbe essere un film d’autore e fondamentalmente lo è ma, all’atto pratico, risulta ancora in fase sperimentale. Le interpreti di grande bravura hanno dato comunque vita a una bella storia, particolare e intensa.
Scritto dallo stesso regista, il film si avvale di una buona sceneggiatura e di dialoghi profondi e ben strutturati. In un paese, il nostro, in cui le rumene sono viste come pericolose, losche, gente di cui non fidarsi per nessun motivo.

Eva approda a Melfi. Qui conosce Anna, una coetanea che lavora nell’enorme fabbrica della Fiat del luogo.
Una giovane all’apparenza senza prospettive, che fatica insieme alla madre per mandare avanti la casa e curare la nonna malata, mentre il padre, violento e nullafacente, passa le sue giornate davanti alla televisione.
Se il soggetto e buono e, come si suol dire, impegnato, la resa del film non lo è altrettanto. Il regista pecca di virtuosismi stilistici che poco hanno a che fare con la cruda realtà che ci viene raccontata.
La musica, che ricopre un ruolo tanto importante, è sfruttata male e risulta addirittura fastidiosa a causa degli stacchi improvvisi e repentini. Non dà il tempo di essere assorbita e accomunata alle immagini, che già lo stacco ci restituisce il silenzio della sequenza successiva.

Nel finale le sorti del film sembrano risollevarsi e il cerchio di Eva finalmente si chiude con un acme drammatico di grande intensità. E dove finisce il suo viaggio, inizia quello di Anna.
La musica degli anni ’70, immette l’intera vicenda in un contesto dal sapore nostalgico, in cui l’iPod che Eva ruba al tassinaro, risulta quasi anacronistico. I brani dei Joy Division, un gruppo punk-rock della fine degli anni ’70, sembrano congelare nel tempo la realtà di Melfi e delle sue colline circostanti, sovrastate dalle enormi pale eoliche.
Lo stesso ricorso al fermo immagine e a lunghi piani sequenza, rimanda ai film dell’epoca e rinuncia alle tecniche più avanzate della nuova era cinematografica.
Il film di Coppola è stato presentato allo scorso Festival di Venezia, durante la Settimana Internazionale della Critica.
Nelle nostre sale dal 6 maggio.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere