Sabato 8 Maggio 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
american-woman-banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
Vuoti a rendere PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 25
ScarsoOttimo 
Scritto da Francesca Caruso   
martedì 05 luglio 2011

Vuoti a rendere
Titolo originale: Vratné lahve
Repubblica Ceca, Regno Unito: 2007. Regia di: Jan Sverák Genere: Commedia Durata: 100'
Interpreti: Zdenek Sverak, Tatiana Vilhelmová, Daniela Kolarova, Jiri Machacek, Alena Vránová, Miroslav Táborský, Nella Boudová, Jan Budar
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 16/01/2009
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Francesca Caruso
L'aggettivo ideale: Ironico
Scarica il Pressbook del film
Vuoti a rendere su Facebook
Mi piaceCondividi questo articolo su Facebook

Vuoti a rendere“Vuoti a rendere” è l’ultima parte della trilogia del regista Jan Sverak e dello sceneggiatore e attore Zdenek Sverak, che racconta le tappe di una vita vissuta interamente.
È iniziata con il film d’esordio di Jan “Scuola elementare (Obcna skola, 1991), che esplora l’infanzia, ed è proseguita con il vincitore del premio Oscar “Kolya” 1996, che approfondisce la vita adulta. “Vuoti a rendere” la conclude e pone l’accento sul pensionamento e sul matrimonio lungo e duraturo di una coppia che è riuscita ad andare oltre le piccole incomprensioni.

Josef è un professore liceale, che non sentendosi più felice nel portare avanti il suo lavoro, lascia l’insegnamento. La vita domestica, però, non fa per lui e così cerca un lavoro part-time per tenersi attivo. Josef è “l’uomo del bentornato” (come suole dire alla moglie), colui che quando rientra a casa vuole essere accolto con amorevoli cure, ma per far questo deve pur uscire.
L’uomo si propone come corriere espresso a sessantacinque anni, ma si rivela non idoneo.
Le cose vanno decisamente meglio quando diviene il magazziniere di un supermercato, occupandosi dei vuoti a rendere, un luogo in cui può interagire con numerose persone e instaurare nuovi rapporti. Cosa accadrà con l’arrivo della macchina automatica che dovrebbe rimpiazzarlo?
Il sodalizio tra il padre Zdenek Sverak e il figlio Jan Sverak è garanzia di qualità, entrambi hanno ricevuto numerosi riconoscimenti per il proprio lavoro. Jan ha iniziato come documentarista e dal suo corto a tematica ecologica “Rapaci” (1988) ha preso l’avvio un’ascesa che lo ha portato ad essere uno dei registi della Repubblica Ceca più conosciuti.

Il regista ha saputo raccontare con ironia, senza appesantire l’atmosfera, la tematica della vecchiaia, di come il protagonista all’inizio sembra non accettare di essere in un’età in cui non si riesce più a fare tutto. In effetti nel momento in cui la moglie sottolinea che oramai stanno vivendo il tramonto della vita, lui la corregge dicendole che è l’autunno.
È un uomo che possiede ancora una fervente immaginazione e una parte di sé vorrebbe che si concretizzasse.
Josef vuole vivere appieno ogni giorno, non si dà per vinto e con la sua vitalità aiuta chi gli sta intorno. Reagisce anche a questo cambiamento di rotta coinvolgendo, alla fine, anche la moglie Eliska, che si mostra inizialmente rigida e controllata.

La donna sembra aver perso la capacità di sognare e non si sente più tanto apprezzata dal marito, ma gradualmente si scopre un lato di lei ironico e con una voglia di vivere pari a quella di Josef. Molto spesso ci si ritrova a nascondere così bene se stessi da perdersi, la sorpresa più bella è reinventarsi. Per la prima volta, a detta dello stesso regista, viene dato ampio spazio a un personaggio femminile, in passato al servizio solo del protagonista maschile.
Qui il personaggio di Eliska prende forma durante il film. La fotografia rende bene l’atmosfera che il regista ha voluto conferire al film, soprattutto nelle sequenze finali in mongolfiera, che è molto poetica e conclusiva di un percorso fatto in due.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere